Il garante degli aromi
Seguici Su :
Processo

Fase1 : Raccolta del sughero

Levée du liège - DIAM Bouchage

Attualmente la superficie delle sugheraie nel mondo è di circa 2.600.000 ettari, distribuiti esclusivamente in sette paesi. Lo scorticamento della quercia da sughero (demaschiatura o prelievo del sughero) viene effettuato ogni 10 anni.

Con circa 15.000 tonnellate di corteccia grezza utilizzata ogni anno, Diam Bouchage è uno dei principali attori del mercato mondiale del sughero.

Fase 2 : Maturazione, Bollitura, Macinazione

Le tavole di sughero vengono stoccate all’aria aperta per un periodo dai 6 ai 12 mesi.

Il sughero grezzo viene lavato con acqua bollente e poi triturato. I grani ottenuti sono vagliati per densimetria per eliminare i componenti legnosi ed i corpi estranei (sassi, insetti, …).

Solo il fiore del sughero, la parte più nobile, viene conservata (suberina).

Fase 3 : Purificazione DIAMANT®

Purification du liège : le procédé DIAMANT®

L’anidrice carbonica (CO2) è un solvente abbondante in natura, non tossico, inerte, inodore e incolore. L’utilizzo di questo componente principale della “Chimica Verde” non altera i prodotti e non produce residui inquinanti.

In particolari condizioni di temperatura e di pressione, l’anidride carbonica (CO2) raggiunge lo stato « supercritico » ed abbina le proprietà penetranti del gas e quelle drenanti del liquido (utilizzato ad esempio per estrarre la caffeina dal caffè).

Diam Bouchage ha sviluppato l’applicazione di questo procedimento di pulizia del sughero con il Commissariat à l’énergie atomique (CEA).

Grazie al procedimento Diamant, la CO² supercritica estrae dal sughero i componenti che provocano le deviazioni sensoriali nel vino, in particolare il TCA responsabile del gusto di tappo.

Il sughero è totalmente purificato e sensorialmente neutro.

Fase 4 : Microsfere

Les microsphères

Una microsfera è una particella sferica di dimensioni micrometriche (tra 1 μm e 1 mm). Sotto l’effetto del calore, la pressione all’interno della sfera aumenta, provocandone l’espansione. Il volume finale può raggiungere cinquanta volte il volume iniziale.

Si ritrovano microsfere nelle palle da tennis, nei bicchieri di carta o nelle applicazioni cosmetiche (effetto volumetrico).

Mescolate alla farina di sughero, le microsfere gonfiano durante la cottura del tappo e vanno a collocarsi tra le particelle del sughero. Si ottengono così una struttura del tappo perfettamente omogenea ed il controllo degli scambi gassosi tra l’interno e l’esterno della bottiglia.

Le microsfere rinforzano la flessibilità del tappo e contribuiscono a mantenerne l’elasticità. Conferiscono l’impermeabilità necessaria alla conservazione del vino e consentono di ottenere le proprietà meccaniche volute.

Fase 5 : Produzione

Fabrication des bouchons Diam

Il mélange fiore di sughero / microsfere è completato da un legante adatto al contatto alimentare prima di essere formato a stampo e poi cotto a vapore. I tappi formati vengono poi lavorati nelle dimensioni volute, quindi satinati con un mélange a base di silicone e paraffina.

Grazie alle proprietà batteriostatiche del procedimento Diamant, è possibile evitare l’uso di agenti lavanti quali il perossido (acqua ossigenata). La soppressione di questi componenti conferisce al tappo il colore naturale ed autentico del sughero preservando al tempo stesso l’ambiente. La testa e il corpo del tappo vengono personalizzati per ogni cliente con una marchiatura a fuoco o laser.

Fase 6 : Controlli qualità

Contrôles qualité - DIAM Fabricant de bouchons en liège

Gli stabilimenti che producono Diam® sono certificate ISO 22000 e rispondono agli standard delle norme igieniche HACCP. I tre siti di produzione inoltre sono certificati FCS.

Ogni lotto di tappi è sottoposto a rigorosi controlli di qualità quando esce dallo stabilimento, all’arrivo in ogni centro di finitura nonché dopo la marcatura ed il trattamento della superficie. I campioni vengono archiviati in laboratorio per tutta la durata del prodotto.

Per ogni lotto analizziamo sistematicamente :

  • TCA, PeCa, TBA, PCA rilasciabili
  • Forza di estrazione 
  • Tasso di polvere 
  • Risalite capillari

Questo rigore ci consente di dare una garanzia individuale sulle percentuali di TCA e sulla memoria meccanica.

  • Raccolta del sughero

    Attualmente la superficie delle sugheraie nel mondo è di circa 2.600.000 ettari, distribuiti esclusivamente in sette paesi. Lo scorticamento della quercia da sughero (demaschiatura o prelievo del sughero) viene effettuato ogni 10 anni.

    Con circa 15.000 tonnellate di corteccia grezza utilizzata ogni anno, Diam Bouchage è uno dei principali attori del mercato mondiale del sughero.

  • Maturazione, Bollitura, Macinazione

    Le tavole di sughero vengono stoccate all’aria aperta per un periodo dai 6 ai 12 mesi.

    Il sughero grezzo viene lavato con acqua bollente e poi triturato. I grani ottenuti sono vagliati per densimetria per eliminare i componenti legnosi ed i corpi estranei (sassi, insetti, …).

    Solo il fiore del sughero, la parte più nobile, viene conservata (suberina).

  • Purificazione del sughero : il procedimento DIAMANT®

    L’anidrice carbonica (CO2) è un solvente abbondante in natura, non tossico, inerte, inodore e incolore. L’utilizzo di questo componente principale della “Chimica Verde” non altera i prodotti e non produce residui inquinanti.

    In particolari condizioni di temperatura e di pressione, l’anidride carbonica (CO2) raggiunge lo stato « supercritico » ed abbina le proprietà penetranti del gas e quelle drenanti del liquido (utilizzato ad esempio per estrarre la caffeina dal caffè). Diam Bouchage ha sviluppato l’applicazione di questo procedimento di pulizia del sughero con il Commissariat à l’énergie atomique (CEA). .

    Grazie al procedimento Diamant, la CO² supercritica estrae dal sughero i componenti che provocano le deviazioni sensoriali nel vino, in particolare il TCA responsabile del gusto di tappo. Il sughero è totalmente purificato e sensorialmente neutro.

  • Microsfere

    Una microsfera è una particella sferica di dimensioni micrometriche (tra 1 μm e 1 mm). Sotto l’effetto del calore, la pressione all’interno della sfera aumenta, provocandone l’espansione. Il volume finale può raggiungere cinquanta volte il volume iniziale.

    Si ritrovano microsfere nelle palle da tennis, nei bicchieri di carta o nelle applicazioni cosmetiche (effetto volumetrico).

    Mescolate alla farina di sughero, le microsfere gonfiano durante la cottura del tappo e vanno a collocarsi tra le particelle del sughero. Si ottengono così una struttura del tappo perfettamente omogenea ed il controllo degli scambi gassosi tra l’interno e l’esterno della bottiglia.

    Le microsfere rinforzano la flessibilità del tappo e contribuiscono a mantenerne l’elasticità. Conferiscono l’impermeabilità necessaria alla conservazione del vino e consentono di ottenere le proprietà meccaniche volute.

  • Produzione dei tappi Diam

    Il mélange fiore di sughero / microsfere è completato da un legante adatto al contatto alimentare prima di essere formato a stampo e poi cotto a vapore. I tappi formati vengono poi lavorati nelle dimensioni volute, quindi satinati con un mélange a base di silicone e paraffina.

    Grazie alle proprietà batteriostatiche del procedimento Diamant, è possibile evitare l’uso di agenti lavanti quali il perossido (acqua ossigenata). La soppressione di questi componenti conferisce al tappo il colore naturale ed autentico del sughero preservando al tempo stesso l’ambiente. La testa e il corpo del tappo vengono personalizzati per ogni cliente con una marchiatura a fuoco o laser.

  • Controlli qualità

    Gli stabilimenti che producono Diam® sono certificate ISO 22000 e rispondono agli standard delle norme igieniche HACCP. I tre siti di produzione inoltre sono certificati FCS.

    Ogni lotto di tappi è sottoposto a rigorosi controlli di qualità quando esce dallo stabilimento, all’arrivo in ogni centro di finitura nonché dopo la marcatura ed il trattamento della superficie. I campioni vengono archiviati in laboratorio per tutta la durata del prodotto.

    Per ogni lotto analizziamo sistematicamente : - TCA, PeCa, TBA, PCA rilasciabili - Forza di estrazione - Tasso di polvere - Risalite capillari Questo rigore ci consente di dare una garanzia individuale sulle percentuali di TCA e sulla memoria meccanica.


contact@diam-cork.com